Comunità per Minori “La Tavolozza”

tavolozza1

La Comunità per Adolescenti e Minori “La Tavolozza” di Ripalimosani (CB) è una struttura alloggio con finalità educative che offre attività di accoglienza, orientamento, diagnosi e trattamento per i casi di infanzia, adolescenza e prima giovinezza problematiche.

Per questi motivi la struttura accoglie , anche per lunghi periodi, minori segnalati o proposti da varie istituzioni (ASL, Comuni, Tribunali per i Minori, Sert, Consultori, ecc.).

Essa può accogliere nella propria sede residenziale un massimo di dieci minori  di entrambi i sessi più due  posti di prima accoglienza.

IMG_0471

 

La Comunità opera all’interno di una rete di punti d’ascolto a carattere regionale (Isernia, Campobasso, Termoli) ed extra-regionale (Pescara, Foggia, Lecce, Napoli, Roma) ed è in collegamento di rete con altre strutture nazionali esperte nel campo dell’adolescenza e dei minori oltre che con le strutture pubbliche del settore.

Ai minori ed adolescenti ospiti viene offerta l’accoglienza ed un programma educativo attento e personalizzato.

Nei vari punti d’ascolto della rete territoriale descritta viene organizzata anche l’attività di orientamento, supporto e preparazione a successivi trattamenti o reinserimenti socio-affettivi per minori provenienti da programmi residenziali.

L’azione della Comunità si caratterizza per particolare specificità, programmi personalizzati e flessibilità degli stessi nell’ambito di collegamenti in rete con le proprie strutture e con altre istituzioni pubbliche e private del settore.

La Comunità accoglie ragazzi di età compresa tra gli undici ed i ventuno anni e che  rientrano in condizioni differenti e tra queste:

Fasoli Piante, il Natale coi colori dei bambini-2come-insegnare-i-colori-ai-bambini_3d6d2e4b8c6acc6a4397b903053d52e3

  1. Esposizione a maltrattamento, violenza, abusi;
  2. Abbandono e trascuratezza dovuta a gravi limitazioni dell’azione genitoriale (figli di alcolisti, tossicodipendenti, malati di mente, disabili, detenuti, separazioni e divorzi altamente conflittuali, grave malattia o morte prematura di un genitore, ecc.);
  3. Manifestazione di  disturbi del comportamento e della personalità con rischi di evoluzione antisociale.

 

 

 

Lo staff operativo è composto da:

  • operatori dei servizi educativi e clinici (educatori, psicologi, assistenti sociali, maestri d’arte, consulenti e collaboratori per l’inclusione sociale, ecc.);
  • fornitori di servizi logistici (cuoco, addetti alle pulizie, manutenzioni, ecc.);
  • volontari del servizio civile;
  • volontari d’appoggio.

images                       bambini-bellissimi                       bambini-sorridenti

Tutti coloro che compongono lo staff e la rete provengono da adeguate scuole di formazione in campo educativo, del counselling e della psicoterapia e sono sottoposti a procedure di selezione preventiva e formazione in pre-in-Service e supervisione clinica e di setting.

Le attività ed i programmi della Comunità sono monitorati e valutati. L’attività di valutazione è strettamente collegata alla supervisione ed è svolta parzialmente nell’ambito delle stesse attività di supervisione. Annualmente viene prodotto un report finale delle attività e dei programmi e diviene un momento di bilancio consuntivo del lavoro svolto e di bilancio preventivo del successivo anno di lavoro.

 

Tutto lo staff è anzitutto impegnato in un’opera di accoglimento caratterizzata da un clima attento, affettuoso, caldo, protettivo ed aperto all’esperienza.

Nel nostro programma di lavoro puntiamo alla realizzazione di un giusto equilibrio tra la personalizzazione delle attività e la partecipazione e socializzazione nel gruppo degli accolti.

In particolare i ragazzi sono coinvolti in attività di:

  • cura di sé, dei propri legami, della propria immagine, del proprio aspetto fisico e della propria salute;
  • partecipazione alla cura del proprio luogo di vita e delle attività fondamentali della casa anche come modo di gestione di sé e di progressivo apprendimento dell’autonomia personale;
  • aiuto e supporto individuale e di gruppo al programma personale di studio che viene definito per ciascun ospite;
  • laboratorio espressivo plurimodale (multimediale, grafico, pittorico, dell’immagine, del suono, della rappresentazione, ecc.);
  • consulenza psicologica ed educativa individuale e di gruppo;
  • partecipazione alla vita sociale e del territorio con uscite esterne (sport, musei, cinema, ecc.);
  • primo orientamento ed inserimento in attività di formazione e lavoro.

paasc-ragazzi-pittura-intuitiva

Grazie alla sua vasta e qualificata rete territoriale la Comunità è in grado di collaborare con i singoli, le famiglie e le istituzioni invianti in almeno 5 regioni (Molise, Abruzzo, Puglia, Campania e Lazio) per orientare e preparare i minori al trattamento residenziale successivo e ad un rientro assistito nel territorio di provenienza dello stesso minore.

Inoltre in aggiunta delle dovute collaborazioni istituzionali col Tribunale dei Minori e con i Servizi Sociali comunali e Sanitari, vari enti, agenzie educative, e realtà associative, saranno coinvolti nei programmi del Centro e tra questi:

  • Istituzioni religiose e laiche che si occupano di minori;
  • Enti scolastici e della formazione professionale;
  • Sindacati e datori di lavoro;
  • Regione Molise;
  • Provincia di Campobasso ed Isernia;
  • Comunità Montane della provincia di Campobasso e d Isernia;
  • Associazioni con finalità sportive, ludiche e sociali.

 

 hp_banner2

(servizio cessato nel 2015)